Rodenticidi, ratti, veleno per topi, anticoagulanti

+
Filter results

Filters

Colore  
 
Sbarazzarsi di  
 
Sostanze attive  
 
Fabbricante  
 
Formulazioni  
 
Destinazione d'uso  
 

21 Items

per page
Set Descending Direction

Di Rodenticidi

I rodenticidi sono una categoria di prodotti chimici per la disinfestazione destinati a uccidere roditori, topi e ratti. Basati su principi attivi anticoagulanti, che agiscono bloccando il meccanismo di coagulazione del sangue nel corpo dell'animale, i rodenticidi causano emorragie generalizzate. L'animale muore nell'arco di 3-8 giorni dopo l'ingestione di una dose letale. Tuttavia, si può notare una morte più rapida, da 2 a 3 giorni dopo che l'animale ha consumato un numero maggiore di rodenticidi.

Per la sicurezza degli animali domestici e di quelli che non sono bersaglio dei rodenticidi, questi sono composti da una sostanza chiamata BITREX. Questa sostanza è molto amara, ma il suo sapore non viene percepito dai roditori, quindi è il modo ideale per proteggere gli animali che non sono bersaglio di questi prodotti, in quanto tenderanno a tenersi lontani.

Gli anticoagulanti possono causare una morte cronica e lenta, che si verifica dopo l'ingestione di una dose letale, ma raramente prima. Alcuni rodenticidi sono letali dopo una sola esposizione, mentre altri richiedono più di una dose per uccidere un roditore.

I rodenticidi possono avere forme diverse: pasta fresca, pellet, cubetti di paraffina, granuli, schiuma, polvere tracciante. La scelta del tipo di rodenticida dipende dal luogo in cui si intende applicare il trattamento. Se si tratta di un ambiente esterno, si consigliano le stazioni esca, per proteggere e conservare meglio i rodenticidi. Inoltre, nei luoghi con elevata umidità, i rodenticidi migliori da utilizzare sono quelli contenenti paraffina (consistenza di cera).

Per quanto riguarda il colore della confezione, i rodenticidi sono simili, ma questo non li rende uguali. Quando scegliete un veleno per roditori, non basatevi sulla confezione o sul colore, ma sulla sostanza che contengono.

In caso di ingestione accidentale, l'antidoto è la vitamina K1.